Chi sono

Maria Chiara Tonucci, nata a Pesaro il 14 giugno del 1966, dopo aver conseguito il diploma di Maturità d’Arte applicata a Pesaro, presso l’Istituto Statale d’Arte “Mengaroni”, sezione ceramica, si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Urbino, dove nel 1989 consegue il diploma nella sezione decorazione.

Dal 1989 collabora come disegnatrice-progettista presso alcuni studi grafici e laboratori di ceramica artistica marchigiani.

Parallelamente si occupa di decorazioni murarie, progettando e realizzando apparati pittorici per hotel, negozi, case private.

Ha collaborato, inoltre, con l’impresa “Morini Mancinelli” di Pesaro per la realizzazione di apparati decorativi per il parco giochi “Fiabilandia” di Rimini.

Nel 1998 apre la Ditta di Restauro e Conservazione Delle Opere D’Arte.

Attiva un rapporto di collaborazione con le imprese di restauro: “Clessidra” di Reggio Emilia, “Progetto Artefice” di Reggio Emilia, “Alchimia” di Modena ect.

come responsabile di cantiere e direzione artistica.

Opera nel restauro e decorazione di pitture murali e nel restauro di apparati plastico-decorativi.

Infine opera artisticamente esponendo in spazi pubblici e gallerie nazionali ed estere.

 

MARIA CHIARA TONUCCI

“....un nero deve essere nero e lo faccio, lo sfumato mangia le forme....”

Un quadro è per me, un evento, è qualche cosa che accade sotto gli occhi e ci sorprende e costituisce un problema, una domanda e la domanda chiamerà ad un’altra domanda e mille saranno le evoluzioni.

 

ANTONELLA MICALETTI

L’incontro con i suoi quadri è sempre un incontro con la fisicità esistenziale, quindi corporea ed emotiva, dell’artista; il ritmo della sua tecnica pittorica è il tempo del dialogo: ipotesi - risposta.

Casualità- soluzione sono momenti di una conversazione aperta, perchè mai conclusa e scoperta perchè offerta alla lettura del fruitore.

 

SAMANTHA OLEI

Un cammino dentro a se stessa, con un occhio sempre attento al mondo naturale...

 

IVANA BALDASSARRI

...un fluido avvolgente, un richiamo luminoso o un sedimento d’ombra, evidenziano le masse dei volumi che paiono compiere movimenti astrali lentissimi e vasti, tendendo a trasformare la materia.

 

GIAN MARIA ANNOVI

...è la lotta tra il bagliore dell’acqua e l’opacità della terra, il loro punto di contatto, la loro tregua apparente.

 

VITALIANO ANGELINI

...ne porta alla luce tutta la vitalità e la serietà con cui si appresta a percorrere la strada della ricerca che l’arte, in quanto discorso aperto, impone...

Maria Chiara Tonucci - Via Mancini 141, Pesaro [PU] 61122 - Tel: 335 470186 - P.IVA 01429930413 . Credits